Piano Annuale per l'Inclusione

Il Piano Annuale per l’Inclusione segue le finalità della normativa ed utilizza tale strumento come momento di sperimentazione e di riflessione. La comunità educante, attraverso l’accoglienza, condivide un progetto inclusivo che mira alla crescita, alla formazione ed al successo di tutti gli alunni.

A tal fine la nostra Scuola crede nella conoscenza e nella possibilità di far crescere gli allievi e la scuola stessa come istituzione che genera futuro; crede nella possibilità di costruire una scuola in cui si produca una cultura inclusiva, tradotta in pratiche coerenti, condivisa con tutte le componenti scolastiche e con le reti istituzionali esterne. La diversità è di tutti e di ciascuno e la scuola deve farsi carico di offrire risposte adeguate ed efficaci ad ognuno. Per creare una cultura inclusiva occorre estendere l’intervento a tutta l’organizzazione scolastica e, come sostiene Dario Ianes, significa:

costruire comunità, affermare valori inclusivi, produrre pratiche inclusive, organizzare il sostegno alle diversità, sviluppare pratiche inclusive.

Nel generale quadro dell’applicazione delle misure di contenimento del contagio, causato dall’epidemia di Covid 19, nelle scuole italiane le lezioni sono state sospese e, ad oggi, risulta incerto il ritorno a scuola con regolare presenza per l’a.s. 2020/2021. L’emergenza sanitaria ha imposto la rivisitazione del processo di insegnamento-apprendimento in quanto, una didattica a distanza, attenta ai bisogni di tutti e di ciascuno, privilegia l’aspetto emotivo-relazionale, riprogetta e riadatta competenze, abilità e conoscenze. E’ la prima volta che la scuola va dagli allievi, supportata dalla tecnologia che consente la presenza, la connessione umana con il docente. L’intervento viene vissuto dall’alunno come vicinanza, alleanza e impegno dell’insegnante che si accosta per aiutare, per sedare l’ansia, per creare un’atmosfera di serenità, condizione essenziale per avere una ricaduta positiva ed efficace che mira al benessere e all’ inclusione dell’allievo ma anche di tutto il sistema-famiglia, all’interno di un progetto di vita.